ARCIVESCOVO GANSWEIN: LA CHIESA NON DEVE PIU’ ADATTARSI ALLO “SPIRITO DEL TEMPO”, MA TORNARE AD ANNUNCIARE IL SUO MESSAGGIO DI SALVEZZA

L’arcivescovo Georg Gänswein ha invitato i cristiani a riprendere la loro posizione più forte e più coraggiosa. Dovrebbero trovare la via per tornare alla loro missione di salvezza. Sebbene le chiese abbiano fatto grandi cose nel loro lavoro caritatevole, la chiesa non deve diventare ancora più caritatevole o adattata allo spirito del tempo; piuttosto, si tratta di annunciare il messaggio di vita eterna, ha detto l’arcivescovo.

L’arcivescovo di Friburgo Stephan Burger ha dichiarato che il “progetto europeo di pace” dell’UE è oggi esposto a massicci attacchi e deve essere difeso dai nazionalisti. Il fatto che in Germania ci sia pace, libertà e prosperità è anche dovuto alla costituzione della Repubblica federale, ha detto Burger. Pertanto, è stato utile, con “quale compassione indivisa” la gente ha celebrato la fine di maggio, il 70 ° anniversario della Legge fondamentale .

JOSEPH RATZINGER :B16 e G.GÄNSWEIN

Chiesa e stato sono a un “crocevia”.

I cristiani devono riconquistare la loro posizione più forte e più coraggiosa nella società, questa la richiesta dell’arcivescovo Georg Gänswein. Bisogna che la Chiesa manifesti meno adattamento allo spirito dei tempi, e maggior concentrazione sulla missione di salvezza – e  qua l’arcivescovo fa riferimento a Benedetto XVI.

Karlsruhe – 05.06.2019

L’arcivescovo Georg Gänswein (62) ritiene che lo stato e la Chiesa cattolica si trovino ad un “crocevia” sul tema della comprensione della dignità umana. In contrasto con la fase di fondazione della Repubblica federale oggi, la chiesa e lo stato parlano di qualcos’altro quando citano l’articolo 1 della Legge fondamentale, secondo cui la dignità dell’uomo è inviolabile….

“Bisogna prendere posizione forte e coraggiosa”

Gänswein ha invitato i cristiani a riprendere la loro posizione più forte e più coraggiosa. Dovrebbero trovare la via per tornare alla loro missione di salvezza. Sebbene le chiese abbiano fatto grandi cose…

View original post 192 altre parole

Annunci
Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento

Presentazione libro “Il treno del Papa. L’ultimo viaggio del treno pontificio – Frosinone 1863”

10 maggio presso il Museo Pio IX – Palazzo Mastai Ferretti a Senigallia

15 maggio presso il Cinema Arci a Frosinone 

  Il libro “Il treno del Papa. L’ultimo viaggio del treno pontificio – Frosinone 1863” di Costantino Jadecola Marabotto P. (cur.), edito da Apassiferrati, 2018, racconta  del treno di Papa Pio IX, dalla sua costruzione nel 1858. E dell’affascinante viaggio intrapreso dal Pontefice e Sovrano dello Stato Romano nel 1863, a Frosinone e nelle provincie di Campagna e Marittima, e soprattutto l’effetto sociale ed economico sul territorio dopo questo viaggio.

Presentazione libro: 10 maggio presso Museo Mastai Ferretti a Senigallia

A Senigallia (AN), presso il Museo Pio IX,  aavrà luogo la presentazione del libro “Il treno del Papa- l’ultimo viaggio del treno pontificio, Frosinone 1863”, di Costantino Jadecola Marabotto P. (cur.), edito da Apassiferrati, 2018, dedicato al racconto di un viaggio affascinante, intrapreso dal Pontefice nel 1863.

Nell’antica residenza storica di Palazzo Mastai Ferretti, casa natale di Papa Pio IX, l’autore, Costantino Jadecola, illustrerà le tappe che percorse il famoso treno storico Italiano, ma anche l’impatto sociale, economico e religioso del viaggio e dei suoi effetti sul territorio denominato, un tempo, Terra di Lavoro.
Introdurrà l’evento Paolo Silvi, il Presidente di Apassiferrati, l’ associazione culturale che ha pubblicato il testo per la collana i “Quaderni della Ferrovia della valle del Liri”. Sarà presente l’autore.
L’iniziativa è patrocinata da Palazzo Mastai Ferretti, DLF Ancona, Circolo di iniziativa culturale Sestante, Associazione Culturale Cappella Pio IX.

Venerdì, 10 maggio 2019, ore 18.00
Museo Pio IX – Palazzo Mastai Ferretti
Via Mastai,14, Senigallia, Ancona
https://www.papapionono.it/

https://www.facebook.com/events/327212824651613/

Presentazione libro: Mercoledì, 15 maggio, ore 17.00, presso Cinema Arci, Via Pier Luigi Giovanni da Palestrina, 40-80, 03100 Frosinone FR.

Sarà presente l’autore. Introdurrà il Prof. Marcello Carlino  Docente di Letteratura italiana contemporanea a La Sapienza Università di Roma e l’Ing. Paolo Silvi Presidente di Apassiferrati, l’ associazione culturale che ha pubblicato il testo per la collana i “Quaderni della Ferrovia della valle del Liri”.

Mercoledì, 15 maggio, ore 17.00 – A Frosinone, presso il Cinema Arci,  si terrà la presentazione del libro “Il treno del Papa – l’ultimo viaggio del treno pontificio, Frosinone 1863” dedicato al racconto di un viaggio affascinante, intrapreso dal Pontefice nel 1863.
L’autore, Costantino Jadecola, illustrerà le tappe che percorse questo famoso treno storico Italiano, ma anche l’impatto sociale, economico e non solo religioso del viaggio e dei suoi effetti sul territorio denominato, un tempo, Terra di Lavoro.

– Seguirà vino d’onore –

Iniziativa patrocinata da Apassiferrati, DLF Frosinone, Associazione Culturale Cappella Ferroviaria Pio IX.

Cinema Arci
Via Pier Luigi Giovanni da Palestrina, 75,
Frosinone
INGRESSO LIBERO – posti limitati
Per informazioni: info@apassiferrati.com

https://www.facebook.com/events/322492938407540/

I sodali dell’Istituto di Studi Storici Beato Pio IX, che mi onoro di presiedere, sono invitati a partecipare.

Conte Prof. Fernando Crociani Baglioni

 

Pubblicato in Beato Pio IX, Presentazione libri | Contrassegnato , , | 2 commenti

180° dalla nascita di Don Gaetano Brunetti, Sacerdote e Missionario C.PP.S

Domani, 30 marzo 2019, intitolato a Don Gaetano Brunetti il largo antistante la Chiesa di Santa Maria delle Canne attigua all’antico Monastero di cui il Missionario fu superiore in Sonnino.
La Memoria Liturgica, ore 11.00, e la cerimonia di Benedizione della lapide-insegna della piazza, che ricorda Don Gaetano Brunetti ai posteri, sarà concelebrata dal Vice-Generale Don Emanuele LUPI C.PP.S e da Don Terenzio PASTORE C.PP.S. Direttore della Provincia d’Italia della Congregazione dei Missionari Del Preziosissimo Sangue di San Gaspare del Bufalo. Presenti le massime autorità civili, con Luciano De Angelis – Sindaco di Sonnino, e le autorità ecclesiastiche e militari, della società civile e del mondo del volontariato al servizio del bene comune.

Conti Crociani Baglioni

Ricordiamo nella preghiera Don Gaetano Brunetti (Alfedena, 29 marzo 1839 – Sonnino, 1° agosto 1883), nel 180° dalla nascita. Sacerdote e missionario C.PP.S., superiore della Casa di Missione in Sonnino (1880-1883). Intitolato a Don Gaetano Brunetti il Largo di S. Maria delle Canne a Sonnino.

A 180 anni dalla sua nascita, il Comune Di Sonnino, ha voluto solennizzarne la ricorrenza, il 30 marzo 2019, intitolando a Don Gaetano Brunetti il largo antistante la Chiesa di Santa Maria delle Canne attigua all’antico Monastero di cui il Missionario fu superiore.
La Memoria Liturgica, ore 11.00, e la cerimonia di Benedizione della lapide-insegna della piazza, che ricorda Don Gaetano Brunetti ai posteri, sarà concelebrata dal Vice-Generale Don Emanuele LUPI e da Don Terenzio PASTORE Direttore della Provincia d’Italia della Congregazione Dei Missionari Del Preziosissimo Sangue di San Gaspare del Bufalo. Presenti le massime autorità civili, con Luciano De Angelis – Sindaco…

View original post 912 altre parole

Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento

ROMA, GRANDE ADESIONE DEI ROMANI AL PONTIFICALE PER PIO IX, A SAN LORENZO FUORI LE MURA

Comunico a tutti gli accademici e sodali dell’Istituto di Studi Storici Beato Pio IX, nonché ai suoi simpatizzanti, che la Basilica di San Lorenzo fuori le Mura abbisogna con urgenza della riparazione dell’organo, rimasto guasto da anni.

Ciò in quanto la Basilica stessa non dispone di adeguate risorse. E che delle elemosine che raccoglie fa generosa offerta di pane ai poveri e senzatetto che ad essa si rivolgono.
Pertanto l’obolo che sarà raccolto al Pontificale del 7 febbraio 2019, sarà devoluto alla Basilica.

La Santa Messa solenne presieduta da S.E. Rev.ma Mons. FRANCESCO CANALINI, Arcivescovo Tit. di Valeria, Nunzio Apostolico, inizierà alle ore 16.

Concelebreranno il Rev.mo Mons. MARCO COCUZZA della Basilica di S. Maria Maggiore,  il M. Rev. Padre ARMANDO AMBROSI ofmcapp Superiore di San Lorenzo fuori le Mura, ed il Rev. Don EMANUELE LUPI cpps Vice-Generale della Congregazione dei Missionari del Preziosissimo Sangue di San Gaspare del Bufalo.

Il Pontificale, che si celebra ogni anno il 7 febbraio, com’è tradizione dal 1992, cioè dal Bicentenario di nascita del Papa santo, sarà solennizzato dal Coro Salesiano di Santa Maria Ausiliatrice.

Conte Prof. Fernando Crociani Baglioni,

Presidente

ROMA, 7 FEBBRAIO 2019, MEMORIA LITURGICA PER IL BEATO PIO IX PAPA

 

SAN LORENZO FUORI LE MURA. PASSI DI FEDE NELLA GRANDE STORIA

 

 

Pubblicato in Beato Pio IX, Cerimonie | Contrassegnato , | Lascia un commento

ROMA, 7 FEBBRAIO 2019, MEMORIA LITURGICA PER IL BEATO PIO IX PAPA

IL GIOVEDI’ 7 FEBBRAIO 2019, MEMORIA LITURGICA PER IL BEATO PIO IX PAPA, PER IMPETRARNE LA CANONIZZAZIONE. ALLA BASILICA ROMANA DI SAN LORENZO FUORI LE MURA, ORE 15,30. PRESIEDE IL PONTIFICALE S.E. REV.MA MONS. FRANCESCO CANALINI, ARCIVESCOVO TIT. DI VALERIA, NUNZIO APOSTOLICO. CONCELEBRANNO IL REV.MO MONS. MARCO COCUZZA, DI S. MARIA MAGGIORE, ED IL M. REV. PADRE ARMANDO AMBROSI ofmcapp. SUPERIORE DI SAN LORENZO FUORI LE MURA.

I gentiluomini sono invitati in frac e decorazioni (gilet nero), o tight e decoraioni (in miniature). Le dame in abito e velo nero. Ecclesiastici in abito piano. Cavalieri nei rispettivi mantelli. Signori Ufficiali e Volontari nelle rispettive uniformi. Sarà opportuno che tutti i partecipanti dessero cortese avviso della loro gradita presenza, con previo, tempestivo messaggio al Presidente dell’Istituto di Studi Storici Beato Pio IX Conte Prof. Fernando Crociani Baglioni.

S.E. MONS. FRANCESCO CANALINI

Email: istitutostudistorici@gmail.com

 

Il Pontificale, che si celebra ogni anno il 7 febbraio, com’è tradizione dal 1992, cioè dal Bicentenario di nascita del Papa santo, sarà solennizzato dal Coro Salesiano di Santa Maria Ausiliatrice.

La Santa Messa solenne inizierà alle ore 16,00. 

* * *

 

Giovanni Maria Mastai Ferretti nacque a Senigallia il 13 maggio 1792. Mandato a Volterra presso gli Scolopi, iniziò gli studi che completò poi a Roma nel Collegio Romano. Ordinato sacerdote nel 1819, continuò il suo apostolato in mezzo ai giovani dell’ospizio “Tata Giovanni”. Pio VII, che ne apprezzava le doti di mente e di cuore, nel 1823 lo inviò in Cile al seguito del delegato apostolico presso Cile e Perù, ma resasi impossibile la permanenza della rappresentanza pontificia in quei paesi, il Mastai rientrò a Roma e Leone XII lo nominò nel 1827 vescovo di Spoleto, dove si fece apprezzare per la bontà d’animo, la grande carità e la mansuetudine. Trasferito nel 1832 a Imola, si cattivò anche qui la stima della popolazione per la qualità del suo programma pastorale, aggiornato ai bisogni del tempo.

Nel 1840 Gregorio XVI lo creò cardinale e il 16 giugno 1846, Mastai uscì dal conclave pontefice col nome di Pio IX. Un mese dopo, concesse l’amnistia ai fuoriusciti, ai condannati e agli accusati politici degli Stati Pontifici; istituì in Comitato per l’introduzione delle strade ferrate e un altro per la riforma della pubblica amministrazione, diede nuove norme a garanzia della libertà di stampa e nel marzo 1848 concesse lo Statuto. Le correnti liberali videro in queste aperture una premessa ad uno schieramento del Papa contro l’Austria, ma avendo egli rifiutato, la massoneria gli scatenò contro una campagna di ostilità. Proclamata la Repubblica Romana, fu costretto a lasciare Roma. Al ritorno, riprese il governo della Chiesa: l’8 dicembre 1854 proclamò il dogma dell’Immacolata Concezione di Maria Vergine.

Nel 1869 convocò il Concilio Vaticano I per riaffermare davanti al mondo la validità della dottrina cattolica, e definì il dogma dell’Infallibilità pontificia.

Morì il 7 febbraio 1878. Il tempo ha fattogiustizia di tantecritiche e gravicalunniemossecontro la sua persona e Giovanni Paolo II lo ha beatificato il 3 settembre 2000.

Roma, Memoria Liturgica per la Canonizzazione di Pio IX, nel CXL°

ROMA, PIO IX RICORDATO A SAN LORENZO AL VERANO

Beato Pio IX: la sua causa di canonizzazione procede a passi spediti

Lettera “In suprema Petri apostoli sede” di Pio IX ai Cristiani d’Oriente

Pubblicato in Beato Pio IX, Cerimonie | Contrassegnato , , , , , | 1 commento

Loreto, 7 febbraio 2019: Festa Liturgica del Beato Pio IX

Giovedì 7 febbraio 2019, a Loreto, Basilica della Santa Casa,  Santa Messa solenne presieduta dal Vescovo di Senigallia S.E. Mons. Francesco Manenti, concelebranti gli ecc.mi vescovi e sacerdoti delle Marche. Ore 11.

Fonte: https://www.diocesisenigallia.it/

Pubblicato in Beato Pio IX, Cerimonie | Contrassegnato , , , | Lascia un commento

Roma, Memoria Liturgica per la Canonizzazione di Pio IX, nel CXL°

Impetrare la Canonizzazione del Beato Papa Pio IX è l’obiettivo spirituale delle celebrazioni solenni che puntualmente, ogni 7 di febbraio, si svolgono alla Basilica di San Lorenzo fuori le mura. Nell’anniversario CXL° del pio transito del Beato Pio IX, Papa, Re e Santo, erroneamente detto ultimo papa re, in quanto il Romano Pontefice è Vicario di Gesù Cristo, il Cristo Re dell’Universo.

Egli incarnò il Pontificato per trentadue anni, dal 1846 al 1878. Segnando gli eventi che contraddistinsero il XIX secolo. Antesignano dell’Unità d’Italia, secondo il modello federalista tracciato da Vincenzo Gioberti e dai massimi esponenti della corrente neoguelfa dello stesso Risorgimento italiano. Dunque sostenitore, mai avversario dell’Unità d’Italia, ma secondo quel progetto che non fu, ma che rimase e resta valido a tutt’oggi per l’unità, lo sviluppo, l’evoluzione della nostra Nazione.

Promulgò il Dogma dell’Immacolata Concezione, l’8 dicembre 1854. Sancì l’Infallibilità Ex Cathedra, indicendo il Concilio Ecumenico Vaticano I. Emanò encicliche e lettere apostoliche fondamentali per l’unità dei cristiani, l’ecumenismo ante-litteram. La Propaganda della Fede, dando impulso alle missioni cattoliche nel mondo. Riconobbe le apparizioni mariane di Lourdes, che furono definite “Celeste Sanzione” alla promulgazione del Dogma dell’Immacolata Concezione.

Egli dovette soffrire molto. L’incomprensione e l’odio delle forze massoniche, e rivoluzionarie, che presero la mano al susseguirsi degli avvenimenti. Subì le aggressioni del moto rivoluzionario del 1848-’49, costringendolo alla fuga a Gaeta, minacciato di morte, rifugiandosi sotto la protezione solerte e filiale del re Ferdinando II delle Due Sicilie. E subì l’aggressione del settembre 1860 ai suoi stati dell’Italia Centrale. Subì ancora l’aggressione a Monterotondo, Mentana e Subiaco. Quando le forze del Suo esercito volontario riuscirono eroicamente, il 3 novembre 1867, a battere e respingere l’ondata violenta rivoluzionaria. Dovette soccombere il 20 settembre 1870 all’aggressione contro Roma, capitale dello Stato Pontificio, sferrata dal potente regio esercito. Opponendo una difesa simbolica atta a dimostrare al mondo la violenza subìta. Ma consentendo all’esercito pontificio di riguardare l’onore delle armi. Subì, infine, la prigionia in Vaticano negli otto anni di vita che Gli restarono, fomentando i grandi pellegrinaggi, che da tutto l’Orbe Cattolico continuarono a riversarsi sull’Urbe, a centinaia di migliaia di fedeli, per la gloria della Roma universale, per testimoniare la grande devozione dei popoli cristiani alla causa del Romano Pontefice, per la libertà e l’indipendenza della Chiesa. Onde Cristo è romano.

La Memoria Liturgica di mercoledì 7 febbraio 2018, è stata presieduta da Mons. Marco Cocuzza Camerlengo di Santa Maria Maggiore con la concelebrazione del Rev. Padre Armando Ambrosi Superiore della Comunità Francescana Cappuccina di San Lorenzo fuori le mura, il  Rev.mo Mons. Sandro Corradini  Prelato Teologo e Promotore di Giustizia della Congregazione per le Cause dei Santi ,   il Rev. Canonico D

S.E. Mons. Carlo Liberati

on Ettore Capra,   ed il Rev.  P.  Tiziano Repetto s.j.  .  Solennizzava l’evento il Coro salesiano della Parrocchia romana di Don Bosco, diretto dal Rev. Don Luigi Ullucci. Mons. Cocuzza dava lettura del messaggio giunto alla Basilica da S.E.Rev.ma Mons. Francesco Manenti Vescovo di Senigallia, con il quale il presule esprimeva la gioia della sua Diocesi per la celebrazione romana.   Celebrazione concomitante con  quella in atto a Loreto,  al  Santuario della Santa Casa,  ad iniziativa della Conferenza Episcopale Marchigiana,  con l’intervento di tutti i Vescovi delle Marche,  compreso il Postulatore della Causa di Canonizzazione S.E.Rev.ma Mons. Carlo Liberati,  Arcivescovo Prelato Emerito di Pompei.  In onore del Beato Pio IX ,  per impetrarne altresì la  Canonizzazione.

Celebrazione nella Chiesa di San Salvatore in Onda, della Congregazione dei Pallottini – Società dell’Apostolato Cattolico .

Nella stessa giornata,  7 febbraio,   a Roma, presso la Curia Generalizia,  a ponte Sisto,  nella chiesa di San Salvatore in Onda,   si compiva  per  Pio IX ,  la  Memoria Liturgica a cura della Congregazione dei Pallottini – Società dell’ Apostolato Cattolico .

Il Conte Cav.Gr.Cr. Prof. Fernando Crociani Baglioni con il Nobile Cav.Gr.Cr. Avv. Roberto Saccarello, il Cav. Sandro Calista, il Cav. Andrea Raneri.

Conte Prof. Fernando Crociani Baglioni

Roma, 7 febbraio 2018

Beato Pio IX: la sua causa di canonizzazione procede a passi spediti

Medaglia Pontificia “Benemerenti” di Pio IX.

Medaglia commemorativa dell’Istituto di Studi Storici Beato Pio IX

Pubblicato in Beato Pio IX, Cerimonie, Ecumenismo | Contrassegnato , , , , , , , , , | 2 commenti